Home > Argomenti vari > Impazzire

Impazzire

23 Ottobre 2007

Tutto si dissolve

Tutto si fa scuro

Mentre il buio ti porta via

Mentre sbatti contro un muro,

 

Ogni cosa si spegne

La luce non ha calore

Respiri aria quasi a soffocare

Ma non ne avverti l’odore,

 

Il vuoto ti avviluppa ed esplode in te come una fitta

In una strada che si comprime, che si perde all’infinito, sempre più dritta

Ti risucchia le viscere, ti fa implodere il cuore

Al posto dei suoi battiti or senti solo dolore,

 

Scoppi in grida che esplodono in spogli corridoi

Ti lacerano la gola, ti incidono come freddi rasoi

Distogli la mente, cerchi di non pensare

Ma fingere è inutile, devi sentire, non puoi ignorare,

 

Il pensiero si fa denso, si raggruma in gocce di sangue e si mescola alla terra diventando fango

Rivivo ogni singolo istante, ogni sussulto, ogni tremito e di disperazione piango

Tempo che si dilata in pieghe che s’incistano nell’eterno

Che mi vedono spoglio burattino deriso dal fato, immoble e fermo,

 

Gridando a squarciagola in quel vuoto che s’impossessa del mio fiato

Imprecando contro di esso e schiaffandogli addosso il mio odio, il mio amore, quanto t’ho amato

Nudo, vestito solo del tuo nome, con tutte lemie forze fino a svenire

Continuo ad urlare sperando in quel destino e sentendomi impazzire.

 

23.10.2007

 

  1. 23 Ottobre 2007 a 8:52 | #1

    Molto profondo ciò che hai scritto.Hai descritto molto bene…Per non arrivare ad un punto limite,e cioè alla pazzia,dobbiamo far si’ che anche nei momenti piu’ bui della nostra vita non si dissolva tutto completamente,altrimenti è davvero la fine…

    Un caro saluto.faraluna

  2. 23 Ottobre 2007 a 16:05 | #2

    Ciao Digi. Passo per un saluto. Dovevo solo fermarmi un attimo ma non ho potuto fare a meno di leggere le tue parole. Un brivido. Che sensazioni…
    Ti abbraccio e a presto Mel

  3. 23 Ottobre 2007 a 18:27 | #3

    è così vero che sto male a pensarti così (credimi, io ne ho ancora le cicatrici)

    è la cosa più disperatamente bella che ho letto finora, posso linkarlo al mio blog?

  4. 23 Ottobre 2007 a 21:23 | #4

    Ho avuto un brivido leggendo queste parole,che mi hanno spezzato le parole in gola…non so più dire come mi fanno sentire.
    Posso solo immaginare di abbracciarti,

    Carmen.

  5. oltreituoiconfini
    23 Ottobre 2007 a 22:25 | #5

    urla piu’ che puoi amico mio , forse solo cosi riesci a liberarti dal dolore.

    nessuno puo aiutarti.

    un bacio grande

    maya

  6. 24 Ottobre 2007 a 13:15 | #6

    No, non ti devi dispiacere.
    Non era un brivido “ghiacciato”. Era provare una sensazione, scoprire che ci sono persone che provano sentimenti simili ai tuoi.
    Per me la parola è fondamentale. Sono che non sempre ci riesco. A volte preferisco leggere e ascoltare.
    Sto basando il mio futuro sulla “parola”, scritta.
    Sto cercando di dare vita ad un sogno e ad una passione.
    Per farti capire meglio… quanto ti va, vai a vedere questi due siti.

    http://www.medizioni.com/
    http://www.riminiancora.com/

    Un abbraccio e un sorriso

  7. 24 Ottobre 2007 a 20:10 | #7

    Non devi dispiacerti per me,sto bene…è che quando leggo certe parole,per di più scritte come lo sai fare tu,rimango ferma e tanti pensieri mi frullano in testa,come a chiedermi io di cosa mi lamento,in fondo.Pur non conoscendoti,percepisco in te una grande sofferenza e vorrei dirti qualcosa per tirarti su,poi capisco anche che in fondo nessuno può immaginare come ti senti,ogni esperienza è a sè stante,è unica e solo tu puoi sapere se riesci a trovare la forza dentro di te per riuscire a rialzarti ed uscire da questa tua situazione.

    Trascorri una buona serata ok?
    Carmen

  8. Ada
    25 Ottobre 2007 a 0:58 | #8

    Passo di qui nella speranza di trovare qualcosa di simile ad un sorriso,ad una rinascita.. Ci trovo te,e tutto quello che di bello conosco e vedo. Ma ancora non trovo quel sorriso. Questo non mi fa stare bene,perchè penso che quell’urlo dovrebbe essere liberatorio e seguito da un gran sorriso,ma non è ancora così. Quando sarà così?So che non hai ancora la risposta. Ma non sai quanto ti auguro che sia al più presto. Ti abbraccio,come sempre.

    Ada.

  9. mistycg
    25 Ottobre 2007 a 11:33 | #9

    questa foto toglie il fiato,senza scrivere una parola saresti riuscito a rendere l’idea.

    si solo sperando in quel destino,pur urlando e sentendoti impazzire riesci a vivere.quando vedrai che quella pazzia e il meglio di te.

    un abbraccio digi.

    misty

    p.s.

    come sempre si perde nei tuoi versi.

  10. fuzz
    25 Ottobre 2007 a 23:53 | #10

    digiman ci sei , e meno male , il tuo num si è perso con tutta la rubrica del mio cell , dai un colpo quando vuoi . abbracci esimio poeta isolano

  11. 27 Novembre 2007 a 19:49 | #11

    …questo destino mi sta stretto….mi sta sempre addosso e colpisce sempre all’improvviso…

I commenti sono chiusi.